Appena hai letto “ipnosi” hai fatto un’espressione di disappunto? Forse hai visualizzato qualche personaggio tv intento a mostrare braccia che levitano o persone che eseguono istruzioni assurde e poco dignitose. L’ipnosi non è questo, posso rassicurarti!

Cosa si intende per ipnosi clinica

L’ipnosi clinica è un insieme di metodi che sfrutta la naturale tendenza dell’organismo a rilassarsi, concentrarsi in modo focalizzato e portare l’attenzione dal mondo esterno a se stessi (emozioni, sensazioni, pensieri). Ne consegue che non vi è alcuna magia o stranezza, ma vengono usate le capacità umane di auto-indursi un rilassamento profondo.

Ansia e rilassamento

Da tempo è nota l’utilità di conoscere tecniche di rilassamento per prevenire, ridurre, allontanare e vivere i picchi d’ansia. Tra esse, elitario è il Training Autogeno.

Da qualche tempo è nota anche l’utilità della meditazione per prevenire, ridurre, allontanare e vivere i picchi d’ansia. Tra esse, va per la maggiore la mindfulness.

L’ipnosi come alternativa

L’ipnosi si posiziona in questa top three e, forse, al primo posto. Si tratta di un’alternativa validissima ed efficace che porta con sé alcuni vantaggi:

  • Minor filtro cognitivo rispetto al Training Autogeno
  • Minor tempo da dedicare all’apprendimento rispetto alla mindfulness
  • Possibilità di utilizzo “al bisogno”, in modo rapido, fin dalle prime pratiche
  • Nessun protocollo da acquisire

Ansia e ipnosi

L’ipnosi clinica ti mette in contatto con la possibilità di spegnere il pulsante di accensione dei picchi d’ansia. Di conseguenza, ti insegna a distinguere tra l’ansia che può servirti e quella di troppo e ti fa spegnere l’interruttore emotivo quando l’ansia è troppa e poco utile e funzionale.

Dopo aver appreso come fare e quando farlo, potrai rapidamente, in qualsiasi momento, raggiungere il rilassamento ipnotico che ti solleva dall’ansia. Il bello è che puoi raggiungerlo se lo vuoi e quando lo vuoi, con un solo gesto.

E quando l’ansia è somatizzata?

Un’emozione è somatizzata di fatto, sempre. Con questa frase intendo dire che non esiste emozione scevra dalla sua manifestazione fisica, pertanto, quanto provi ansia, il tuo corpo ha sempre e comunque un qualche tipo di reazione e manifestazione fisica.

In alcuni casi, questa reazione si cronicizza o si traduce in un sintomo ripetuto, specifico, caratteristico: per alcuni il mal di stomaco, per altri la cefalea, per altri ancora il colon irritabile o le contratture muscolari.

Chiamiamo somatizzazioni questo tipo di reazioni fisiche, reali, connesse all’emozione. L’ipnosi riesce ad agganciare queste reazioni e a darti il potere di controllarle, modularle, farle sparire.

Si inizia così…

Si inizia con un incontro di rilassamento base che ha la funzione di aiutarci a capire se converrà procedere con il Training Autogeno, proporti un percorso di mindfulness – con un operatore esperto – oppure lavorare con il rilassamento profondo dell’ipnosi.

Faremo qualche esercizio che userà respirazione, rilassamento muscolare e immaginazione e ne uscirai piacevolmente rilassato/a e con più energia. Quindi, comunque sia, sarà un tempo dedicato a te ben usato.

…e si continua così!

Qualora valutassimo di continuare con il metodo di ipnosi clinica, ci vorranno circa altri cinque incontri, più il tuo impegno a casa, quotidiano, di 15 minuti al giorno al massimo. Registrerò dopo ogni incontro una guida vocale dedicata a te e alla tua situazione, la riceverai su whatsapp e la seguirai una volta al giorno, fino all’incontro successivo.

Via via, la guida vocale si farà più sintetica, per darti la possibilità di fare tuo il metodo senza dipendere dalla traccia vocale. Un grosso rischio di alcuni metodi, infatti, è creare una dipendenza dalla voce dell’operatore o dalle sue specifiche parole. Senza, diventeresti incapace di rilassarti: un disastro!

Dalla guida vocale, all’ancoraggio

Alla fine di questo percorso di apprendimento, la mia voce sarà sostituita da un gesto di ancoraggio che ti permetterà di raggiungere il rilassamento profondo ipnotico in autonomia, quando vuoi e solo se lo vuoi, in pochi secondi.

Ipnosi = Tu, alla plancia di comando

Il dettaglio essenziale e importante è che otterrai, finalmente, il controllo e il comando del tuo modo emotivo. Basta reazioni a casaccio, eccessive o imbarazzanti; basta reazioni passive o senso di inadeguatezza; basta percezione di subire le tue emozioni!

L’ipnosi non è la perdita di controllo, non ti mette in balia degli altri, ma è la possibilità di riprendere il controllo di sé. (A. Calderoni)

Informazioni aggiuntive?

Scrivi a ciao@francescafontanellapsicologo.com



Se ti è piaciuto, condividilo:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Lascia un commento