francesca-fontanella-psicologo-scegliere-di-scegliere-il-segreto-per-riuscirci

Scegliere è un’azione che ci è richiesta nella vita. Più che un’azione, è un processo che implica la costruzione della decisione. Come mai è così difficile scegliere?

La fatica di scegliere

Di fronte a una scelta, le persone iniziano ad avere dubbi, costruiti intorno a pensieri, rimuginii, paura di sbagliare. Certo, scegliere implica la perdita del controllo perché non è possibile sapere cosa accadrà e se la scelta sarà quella giusta. Alcuni fanno molta fatica a scegliere anche a causa di una fantasia…

La fantasia di chi sceglie facile

Chi sta per scegliere, mentre vive i dubbi della scelta, ha una fantasia – una convinzione – rispetto alle scelte degli altri: la fantasia che gli altri scelgano subito, con le idee chiare, consapevoli di ciò che accadrà.

In realtà, è proprio così? La mia esperienza professionale e personale dice che, no, non è così. Dalla scelta più “piccola” a quella che può cambiare lo stile di vita, le persone vivono un periodo più o meno lungo di impasse, blocco, ripensamenti.

Quando scatta il momento della scelta?

Premettendo che il momento della scelta è il passaggio ultimo di un processo più o meno faticoso, più o meno lungo, più o meno emotivamente carico, a un certo punto si sceglie. Vuoi perché obbligati dagli eventi, vuoi perché, a un tratto, arriva il coraggio di trasformare la paura in possibilità.

Il momento della scelta scatta quando si sceglie di scegliere. Dico sul serio, nessuna presa in giro. Per una curiosa regola di vita, la scelta avviene quando si sceglie di scegliere, cioè quando si sceglie non tanto ciò che si ritiene di certo migliore, ma ciò che in quel momento si sente di fare.

Insomma, la scelta, dopo tanto lavorio di testa, è una faccenda di pancia!

Scegliere di scegliere

Al momento della scelta, di pancia, si sceglie di prendere una direzione. La scelta non è data dalla direzione, ma dall’aver saputo scegliere. Ti sta girando la testa? Capisco, con tutti questi giri di parole! Tuttavia, è proprio così. Quando scegli di scegliere, ti sblocchi, restituisci movimento alla tua vita e ti dai la possibilità di fare un’esperienza.

E se scelgo sbagliato?

Chi può dirlo, se la tua scelta sarà quella giusta! Ciò che puoi fare è vivere la tua decisione con la consapevolezza che saprai affrontare quello che porterà, compreso, se servirà, un ulteriore cambio direzione!

Cambiare direzione nuovamente non sarà un tornare indietro, ma un andare avanti, svoltando rispetto alla prima decisione presa.

Il segreto della scelta

Il segreto della scelta sta tutto lì, nella certezza che potrai costruire direzioni diverse a partire dalla tua scelta iniziale, godendoti il percorso che si crea sotto i tuoi occhi, strada facendo, vita facendo.

Potresti sentirti intrappolato/a dall’incertezza e subire così tanto il bisogno di controllo da non riuscire ad accettare naturalmente la costruzione in itinere del tuo futuro. Potresti desiderare una pianificazione precisa del futuro e non tollerare la sorpresa di esiti sconosciuti delle tue scelte.

Ebbene, la cattiva notizia è che questa incertezza è fisiologica in una vita che, per sua natura, non è imbrigliabile o prevedibile. La buona notizia è che puoi allenarti a tollerare l’incertezza, a scegliere di scegliere e goderti la tua vita.

Come te la cavi con le scelte?

Puoi scrivere la tua esperienza nei commenti oppure scrivendomi a ciao@francescafontanellapsicologo.com

Se ti è piaciuto, condividilo:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Lascia un commento