francesca-fontanella-psicologo-la-scatola-di-biscotti-una-storia-breve

Questa è la storia di Alice e della sua scatola di biscotti.

Alice è in aeroporto in attesa del suo volo. Si reca al bazar  ed acquista un libro, una cioccolata calda e una piccola scatola che contiene 5 biscotti alle nocciole: i suoi preferiti.

Trova un posto a sedere nell’area di attesa e inizia a leggere il suo nuovo libro. Di fronte a lei ci sono un tavolino e un uomo straniero. Alice ignora l’uomo e si immerge rapidamente nella trama avvicente del libro, prende un biscotto dal pacchetto, lo mangia e poi beve un sorso di cioccolata.

Con sua grande sorpresa, l’uomo seduto di fronte a lei, tranquillamente prende un biscotto dal pacco e lo mangia: Alice è sconcertata! Non sa cosa dire e continua a leggere, ora nervosamente

Un paio di minuti dopo, Alice prende il terzo biscotto dal pacchetto e lo straniero, con calma, prende il quarto e lo mangia.

Incredibile!“, pensa Alice, ancora più sconcertata e visibilmente irritata.

Subito dopo l’uomo prende il pacco e le offre l’ultimo biscotto alle nocciole, sorridendo.

Questo è troppo! Questo comportamento è intollerabile: quanta maleducazione e cafoneria in giro!”

Alice prende con un movimento brusco il biscotto che le spetta e si alza senza dire nulla, avviandosi verso i cancelli per l’ imbarco!

Apre la borsa per prendere il biglietto e… cosa vede? Una scatola di biscotti alle nocciole, integra!

“Se il mio pacco è qui, l’altro pacco non era mio, era dell’uomo seduto di fronte a me…” pensa Alice “Se qualcuno è stato sgarbato, maleducato e cafone, bè, quel qualcuno sono io!”

Ora tocca a voi!

Quale emozione provereste scoprendo quello che ha appena scoperto Alice?

Inviate un WhatsApp al numero 345 3741840 indicando il vostro nome di battesimo, l’anno di nascita e il nome dell’emozione che provereste se foste nei panni di Alice: riceverete una sorpresa utile a conoscervi meglio!

Dott.ssa Francesca Fontanella

Se ti è piaciuto, condividilo:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Lascia un commento