francesca-fontanella-psicologo-la-paura-di-sbagliare-un-modo-per-trasformarla-in-coraggio-di-scegliere

La paura di sbagliare arriva in quelle situazioni in cui non si sa cosa fare, cosa scegliere, che direzione prendere. Da un punto di vista biologico ed evolutivo questo fenomeno ha un significato preciso: mancano informazioni per poter prendere con sicurezza una direzione e, nella realtà primitiva, sbagliare direzione poteva essere deleterio per la sopravvivenza dell’individuo.

Alla ricerca di indizi
newspaper-1648554_960_720

Immagine pixabay.com/geralt

L’uomo primitivo, prima di scegliere una direzione, valutava le condizioni ambientali, fisiche, cercava indizi utili per la sua scelta. Lo faceva per sopravvivere e noi siamo i diretti discendenti di quei nostri antenati che hanno – per mutazione genetica o per qualche apprendimento sociale – avuto più cura e prudenza nella ricerca di indizi.

Questo spiega, almeno in parte, la tendenza comune a molti di provare indecisione di fronte alle scelte e di avere Paura di sbagliare.

Si può cambiare direzione

cambiare-strada

La strada scelta non è quella definitiva o l’unica disponibile. In ogni momento è possibile cambiare direzione e aprire nuovi sentieri.

Questo aspetto ha particolare importanza quando si è costretti a scegliere – magari anche rapidamente – e non si è trovata, in nessuna delle opzioni di scelta, quella convincente. La sensazione di trovarsi in trappola, in questi casi, è frequente: ricorda a te stesso che dopo una scelta, è possibile farne un’altra.

Non è un esame!

La Paura di sbagliare presuppone che ci siano risposte giuste e sbagliate, come ad un esame. In realtà, in gran parte delle situazioni quotidiane e nelle proprie scelte di vita, la risposta giusta non esiste. La scelta apre uno scenario, un percorso tra altri e il raggiungimento dell’obiettivo dipende da come sarà vissuto il percorso che ci si apre davanti.

Il risultato si raggiunge muovendosi, in quasiasi percorso, in linea con i propri valori e le proprie risorse e competenze.

La storia dei 5 uomini che si perdono nella foresta

Cinque esploratori si persero nella foresta e cercarono di trovare una via d’uscita.

Il primo disse: “Seguirò l’intuizione, come sono solito fare: andrò a sinistra!”. Così fece, usando una caratteristica nel tempo valutata utile: l’intuizione.

Il secondo disse: “Io andrò a destra; ho una sensazione fisica forte che sia questa la direzione giusta e io ascolto sempre il mio corpo!”. Così fece, usando la sua abitudine a fare attenzione ai segnali del corpo.

Il terzo disse: “Penso che tornerò indietro lungo il sentiero da cui siamo arrivati. Mi sembra la soluzione più sicura.”. Così fece il terzo, seguendo il valore della sicurezza.

Il quarto disse: “Secondo me invece è bene andare avanti dritti in questa direzione: ho fiducia che la foresta finirà e troverò un villaggio o una fattoria in cui avere ospitalità e chiedere informazioni.”. Così fece il quarto, scegliendo di agire in linea con il valore della fiducia.

Il quinto disse: “Non so cosa fare. Credo che mi arrampicherò in cima a quell’albero e guarderò intorno per avere più indizi, prima di scegliere.”. Così fece il quinto, desideroso di avere informazioni concrete per operare la sua scelta.

Mentre si arrampicava, il quinto esploratore vide gli altri quattro impegnati a percorrere le direzioni scelte e seppe in quale direzione si trovasse il villaggio più vicino. Scendendo dall’albero, pensò che gli altri non avrebbero dovuto scegliere sentieri diversi e che le loro scelte fossero sbagliate.

Invece…

Ciascun uomo, scegliendo il suo percorso, aveva ottenuto esperienze diverse.

Il primo uomo, andando a sinistra, trovò un sentiero molto lungo, ma, alla fine, capitò in una meravigliosa città.

Il secondo uomo, andando a destra, si trovò a combattere con i lupi e così imparò a sopravvivere nella foresta.

Il terzo uomo, tornando indietro, incontrò un altro gruppo di esploratori, con i quali fece amicizia.

Il quarto uomo, andando avanti dritto, trovò davvero una fattoria in cui fu accolto e gli venne offerto un lavoro.

Il Coraggio di scegliere

Puoi trasformare la Paura di sbagliare nel Coraggio di scegliere usando questi due utili strumenti:

  1. La consapevolezza che, in qualunque momento, puoi usare le tue risorse e i tuoi valori per prendere e cambiare direzione: dopo una scelta, è possibile farne un’altra;
  2. La consapevolezza  che, qualunque sentiero prenderai, arriverai da qualche parte e farai esperienze utili: ogni scelta porta esperienza.

Per ri-scoprire le tue risorse e i tuoi valori, riprendere a operare scelte consapevoli e serene e aumentare le tue possibilità di scelta, puoi appoggiarti alla psicologia.

Dott.ssa Francesca Fontanella

Se ti è piaciuto, condividilo:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Lascia un commento