francesca-fontanella-psicologo-devo-voglio-posso-trasformare-parole-e-pensieri

Quante volte al giorno vi capita di dire e sentire la parola ‘devo‘ e i suoi derivati?

  • “Devo fare la spesa”
  • “Devi passare in libreria!”
  • “Ho il dovere io di occuparmi di questa cosa”
  • “Non dovrei mangiare così tanto”
  • “Lei /lui non dovrebbe essere così critica/0”

Queste frasi sembrano innocue, vero?

Eppure, provate a rileggerle con attenzione per alcune volte.anxiety-1157435_960_720

Dopo poco, è possibile che iniziate a sentire un senso di inquietudine e, persino, di oppressione e di ansia. Il verbo ‘dovere‘ – e derivati – evoca la sensazione di costrizione, di obbligo, talora l’anticipazione di conseguenze negative nel caso in cui non si riuscisse a svolgere il compito.

Questo è quello che accade anche nel quotidiano quando si riceve o si pronuncia una frase che contenga il ‘dovere’.

Badate bene, non vi sto istigando all’anarchia! 🙂

Vorrei, invece, portare la vostra attenzione su un curioso fenomeno:  gran parte delle cose che pensiamo di dover fare (o che debbano essere fatte)… è preferibile che siano fatte.

Se andate ad esplorare da vicino le frasi precedenti, vi accorgerete che si tratta di attività che sarebbe preferibile fare, che potete fare o che vorreste fare.

Facciamo un esperimento!

Proviamo a sostituire il verbo ‘dovere con il verbo ‘volere‘, il verbo ‘potere‘, oppure con l’espressione ‘è preferibile che‘.

  • Vorrei fare la spesa”
  • Puoi passare in libreria?”
  • Voglio occuparmi io di questa cosa”
  • “Non vorrei mangiare così tanto”
  • Sarebbe preferibile che lei /lui non fosse così critica/0″

Ora rileggete le frasi… il cambio di verbo, che effetto fa?

Questo semplice stratagemma linguistico si è rivelato uno strumento da affiancare ai colloqui psicologici per combattere l’ansia legata a convinzioni chiamate ‘doverizzazioni. Le doverizzazioni sono una forma di pensiero che porta la persona a ritenere un dovere anche ciò che, a guardare bene, un dovere non è.

Lo stesso tipo di meccanismo linguistico è d’aiuto a chi sta vivendo un periodo di sovraccarico lavorativo o domestico. Usare la sostituzione del verbo ‘dovere’ consente di creare una playlist delle priorità.

Dott.ssa Francesca Fontanella

Se ti è piaciuto, condividilo:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Lascia un commento